Visto 89 volte

Siamo vicini al Natale, una festività alla quale si deve necessariamente pensare in modo diverso, quest’anno, forse riscoprendone il vero valore. Senza indulgere in moralismi che non ci appartengono, i dati raccolti da un sondaggio realizzato da Atlantis Company mette in evidenza che oltre il 50% delle organizzazioni che in questo momento dell’anno avviano raccolte fondi, teme un netto calo delle donazioni rispetto al 2019.

Una previsione realistica, considerate le difficoltà che l’Italia (il mondo intero, sebbene con le ovvie differenze tra gli Stati) attraversa, a causa della pandemia. Le risorse a disposizione delle famiglie si sono assottigliate, sono in molti a sperimentare una condizione davvero dura, dal punto di vista sanitario e sotto l’aspetto sociale ed economico. La diffusione del virus ha creato nuovi problemi e acuito i vecchi; le antiche disuguaglianze si fanno sentire e risultano più penalizzanti che mai. In questa situazione, chi può deve cercare di non perdere di vista il valore della solidarietà.

Certamente se n’è vista tanta durante il lockdown.

In questa “nuova” fase, delicatissima, per il nostro Paese, occorre essere ancora più presenti. Molte associazioni, ma anche privati cittadini si stanno attrezzando (non manca chi naviga “sicuro” su una strada già testata in tempi non sospetti) con attività di fundraising on line. Le raccolte digitali funzionano. Anche nel lancio di una startup, il digital fundraising può rivelarsi uno strumento efficace, di partecipazione alla costruzione di qualcosa di innovativo. Tanti progetti promossi da LWB lo hanno dimostrato.  Usando una piattaforma on line si può contribuire in maniera determinante al successo di un’idea. C’è persino chi ha costruito una carriera editoriale, con il fundraising digitale.

I progetti da promuovere possono riguardare tutti gli ambiti del vivere quotidiano. Qualcosa che sia utile alla collettività, per esempio alla comunità scolastica, travolta, come le altre, dall’incertezza. Le no profit puntano anche sui regali solidali, acquistabili sempre via web. Molte organizzazioni si stanno concentrando sui donatori presenti nel database, proponendo loro soluzioni nuove e una maggiore fidelizzazione, proprio attraverso le nuove tecnologie.

LWB Project ha già sviluppato, in passato, piattaforme per il fundraising che sono tuttora a disposizione di chi pensasse di utilizzarle. Se ne possono creare ad hoc, a seconda delle necessità. Le raccolte fondi sono un’antica tradizione, vestita di nuovo. Ora più che mai è il caso di prediligerle. La necessità di ridurre gli spostamenti e le relazioni interpersonali impone vie alternative.

Il Paese ha un’antica vocazione alla solidarietà.

Non potrà mai perderla.