Visto 671 volte

Un viaggio nel microcosmo delle startup, ai tempi del Covid, mostra disomogeneità notevoli. Ne abbiamo scritto spesso sulle pagine del nostro magazine. I quasi due mesi di lock down non sono stati assorbiti allo stesso modo da tutte le realtà. Alcune startup hanno trovato nuovi binari sui quali far correre le idee, altre invece si sono dovute fermare. 

Per riannodare i fili strappati, riavviare dialoghi interrotti e per aiutare le startup in difficoltà sono nate tante iniziative. Non solo in Italia, ma anche negli altri paesi europei e nel mondo. 

Il Decreto Cura Italia del 17 marzo scorso prevede degli aiuti anche per le startup; interventi che tuttavia non sono sufficienti, che si spera siano seguiti da altri provvedimenti.

Segnaliamo, in questa pagina, dei link che possono essere utili a chiunque guidi una startup o abbia in mente di prendere l’iniziativa. Partiamo da “Rinascita Digitale” (https://www.rinascitadigitale.it/#iniziativa), nata per fornire gli strumenti per dar vita al cambiamento. Volendo, potremmo definirla una piattaforma di formazione per gli startupper. È ricca di contenuti live e on demand, sui temi dello sviluppo d’impresa, dello smart working, della digital transformation, etc. Ad alternarsi in diretta sono professionisti, ricercatori ed esperti, ovvero figure che hanno una notevole esperienza nell’ambito. Persone quindi che possono indicare la strada, in un momento in cui agli imprenditori, a chi ha avviato una startup sembra di trovarsi su un terreno completamente cambiato. È in realtà un habitat in continua evoluzione, più di quanto non lo fosse mai stato prima. Un luogo dove riconoscere i bisogni e soprattutto progettare interventi mirati non è affatto semplice. 

Un altro punto di riferimento per chi si è imbarcato in un’avventura senza rete, come quella della startup può ben definirsi, è la piattaforma “COVID-19 Forum for Industrial Cluster Actors” (https://www.clustercollaboration.eu/forum/covid-19-response-forum), un vero e proprio mega forum, un luogo di condivisione rispetto a bisogni, domande, esperienze e soluzioni con soggetti che operano nel proprio segmento industriale, per affrontare al meglio questo momento. 

Informazioni utili possono essere reperite anche sulla Community del Fintech District italiano (https://www.fintechdistrict.com/coronavirus-the-power-of-fintech-community/), mentre Italia Startup (https://www.italiastartup.it/chisiamo/) mette a disposizione degli utenti un database che comprende anche piccole e medie imprese innovative. Qui si trovano suggerimenti e soluzioni per gestire l’emergenza coronavirus. 

Per chi risiede in Puglia, esiste sul sito della Regione, un motore di ricerca delle opportunità per persone e imprese. Si chiama “Fatti strada” (https://regione.puglia.it/web/guest/-/fatti-strada.-il-motore-di-ricerca-delle-opportunità-della-regione-puglia-per-persone-e-imprese?redirect=%2F) e nasce per consentire alle persone e alle imprese di orientarsi tra le misure messe in atto dalle istituzioni, in particolare dalla Regione.

Come si legge sul sito, non “si tratta di una vetrina di bandi, ma di un percorso interattivo”. La possibilità quindi di trovare il provvedimento che sia più consono alle proprie esigenze, ai progetti, alle idee che si hanno in mente, al momento della consultazione della pagina. C’è spazio naturalmente anche per le startup.

Dare un’occhiata non è una cattiva idea. Anche per avanzare proposte e offrire suggerimenti e critiche costruttive. L’espressione cittadinanza attiva significa anche questo.